08/01/2014

Jesús León, il fotografo del quotidiano: “La strada mi attrae e mi ispira”

Motivazioni, passione e consigli sul fotogiornalismo

Il fotografo del quotidiano e della strada, Jesús León racconta attraverso il lavoro la realtà che lo circonda. Situato a Siviglia e giornalista di professione, Leon è stato sedotto dalla fotografia che è divenuta presto il suo impiego principale.

Il fotografo di Siviglia ha capito meglio di chiunque altro il valore di Internet e dei social network per pubblicizzare i suoi scatti. Diffonde il suo lavoro e dà suggerimenti sulla fotografia attraverso un blog, pubblica le sue istantanee sul suo fotoblog, e attraverso il suo personale portfolio e il suo profilo su Twitter . Tutto questo lavoro sulla rete, come spiega, “per incontrare altri fotografi , condividere preoccupazioni e, naturalmente, per imparare e condividere “.

Il colore bianco e nero e lo scenario urbano sono due dei tratti distintivi della sua vasta opera. Il fotografo andaluso ci dà indizi su come catturare la realtà che ci circonda in modo che il vostro lavoro sia il più autentico possibile.


Fuente: Jesus Leon
Fonte: Jesús León. Album: Azione Urbana. Foto: Skate

Lei è un giornalista specializzato in fotografia, crede nel principio secondo cui una immagine vale più di mille parole ?

Nella comunicazione l’immagine è estremamente importante e con l’avvento dei media digitali ancor di più. La fotografia ha guadagnato molto peso nel tempo, ogni giorno crescono sempre più gli appassionati e una maggiore domanda di conoscenza si diffonde, unita ad un boom tecnologico continuo. Allo stesso modo è cresciuto il mio interesse.

Parlando del suo lavoro, la sua fotografia è specializzata nel catturare la realtà della strada, come mostra il suo portfolio intitolato “ombre urbane”. Perché questa attenzione sul quotidiano? Cosa la attrae dell’anonimato delle persone che fotografa?

La fotografia di strada ha sempre suscitato grande interesse in me. Forse si tratta di una scelta semplice, diretta: cercare di catturare la vita intorno a noi in città , le attività di ogni giorno , gli scenari, la luce e, naturalmente , gli abitanti. E ‘ un genere che non richiede particolari competenze tecniche , la strada è sempre in evoluzione, e ciò mi attira perchè mi aiuta a osservare nel dettaglio ciò che ruota intorno a me.


Fonte: Jesús León. Album: Ombre Urbane. Foto: L’attesa

In parte delle sue foto si possono vedere tradizioni radicate in Spagna come le processioni della Settimana Santa o le carrozze di Siviglia, cos’è che la attrae del folklore spagnolo?

Non sento una grande attrazione per questo. Semplicemente è parte del mio ambiente e come tale provo a non ignorarlo. Visivamente è molto interessante e offre molte possibilità fotografiche.

Nel suo portfolio vediamo che abbondano le foto in bianco e nero, e che utilizza poco il colore. Vorremmo sapere perché e avere alcuni consigli o trucchi per usare correttamente questa tecnica

Il bianco e nero è solo un’opzione con cui mi sento più a mio agio. Io provengo dai giorni della fotografia analogica . Mi servo di questa tecnica per concentrarmi sul motivo, evitare distrazioni . Il miglior consiglio è di non lasciare la scelta a posteriori, o casualmente, ma avere chiaro in mente che certi lavori li andremo a sviluppare in bianco e nero, selezionare questa modalità sulla fotocamera per visualizzare le scene in monocromo aiuta ad ottenere il massimo vantaggio nella resa.

Pochi mesi fa sono stati i 100 anni dalla nascita di Robert Capa, il famoso fotografo che ha fotografato la guerra civile spagnola, forse uno dei più noti del secolo XX. Ho letto una frase che ha detto che se Capa avesse esercitato in questo momento, avrebbe caricato il suo lavoro su Instagram . Ha questa sensazione?

Beh ,in realtà, era una riflessione in un articolo sul centenario di Capa. La realtà attuale è molto diversa dal tempo di Capa, e se fosse adesso, senza dubbio, avrebbe dovuto adeguarsi agli strumenti di oggi. Instagram è uno di questi e un mezzo di diffusione e per la condivisione delle immagini. Quindi credo sia possibile, proprio come fanno altri fotogiornalisti .


Anarchy
Fonte: Jesús León. Album: Gente Urbana. Foto: Anarchia

Pensa che il lavoro del fotografo non sia abbastanza apprezzato, come spesso accade con il giornalista?

Il valore del nostro lavoro rimane, ma ora lo scenario è cambiato molto e questa valutazione è difficile. C’è molta più concorrenza, abbiamo una grande saturazione visiva e ottenere un lavoro professionale, mettendo in evidenza con stile un messaggio è davvero complicato .

Vediamo che è un fotografo molto attivo sui social network e molto presente nelle reti Internet, è quello il futuro della fotografia?

Internet e le reti sociali sono sempre più presenti in tutte le aree. La fotografia è una di queste e non può fuggire o avere paura di questa realtà. Dobbiamo adattarsi e usare al meglio queste reti. Internet è molto utile per trovare nuove persone, per incontrare altri fotografi, condividere preoccupazioni e, naturalmente, per imparare e condividere .

Essendo molto attivo sui social network e Internet può condividere il suo lavoro con il mondo. Può essere un’arma a doppio taglio, in quanto molte persone possono “copiare” un lavoro o usarlo senza possedere il copyright

Data l’enorme saturazione delle immagini, se qualcuno “copia” significa che il vostro lavoro si distingue e che è fatto bene . Un’altra cosa è che la “copia” avviene illegalmente, cosa sempre più difficile da controllare. Dobbiamo promuovere una cultura del rispetto, citare sempre la paternità di ogni opera … ciò in internet ancora non è così sviluppato ma è così che il medium si dovrà evolvere. Dobbiamo lottare affinchè ciò si verifichi.


Domingo di Ramos
Fonte: Jesús León. Album: Siviglia. Foto: Domenica delle Palme

Abbiamo nominato Robert Capa come uno dei grandi della fotografia. Sappiamo che si sente molto legato anche ad altri fotografi, a chi si è ispirato e perché ?

Nel complesso ho trovato difficoltà a seguire uno specifico fotografo. Molte persone mi hanno ispirato e mi ispirano ogni giorno. Tra i grandi maestri, mi piace molto Daido Moriyama su street photography, per dire un nome. Il suo lavoro è ossessionato, con uno stile molto particolare, racconta il suo sguardo, i suoi sentimenti … forse è questo che mi attira anche in altri, al di là del genere che trattano.

E infine , vorremmo chiederle quali consigli darebbe a coloro che iniziano. Come prepara i suoi servizi fotografici?

La preparazione è importante, non avere fretta di ottenere i risultati. Siate pazienti , guardate, osservate e ammirate il lavoro di grandi fotografi, ma anche trovate ispirazione nelle altre arti ( cinema, pittura, letteratura, etc.). Soprattutto date sfogo al vostro proprio stile , alla vostra estetica, agli argomenti che vi attraggono.
Le mie sessioni fotografiche dipendono sempre dal posto di lavoro , ma la fotografia di strada, per esempio, è solo una parte della mia routine quotidiana . Camminare , osservare, essere sempre pronti con la macchina fotografica. A volte approfitto di un breve tragitto in strada per scattare qualche foto, altre volte mi dedico ore esclusivamente a questa attività. Ma cercate di non pianificare troppo, l’improvvisazione in strada mi ha offerto buone opportunità di catturare le immagini migliori.


Invia un commento